DINGO_lay

Octave Mirbeau

Nato a Trévières nel 1848, è stato giornalista, scrittore, critico d’arte, saggista, drammaturgo e reporter di viaggio. Esponente dell’Impressionismo e dell’Espressionismo
letterari, le sue opere sono state tradotte in trenta lingue. Muore a Parigi nel 1917.

Dello stesso autore:
Octave Mirbeau

Dingo


Traduzione di Decio Cinti



pp. 192

17,50
€ 14,88
febbraio 2017
ISBN 9788869932373

Completato grazie all’amico Léon Werth, che ne trascrisse gli ultimi capitoli quando Mirbeau era ormai troppo malato, Dingo, l’ultimo romanzo dell’autore francese, venne pubblicato nel 1913. Un’autobiografia bizzarra, in cui Mirbeau racconta dal punto di vista del suo cane gli anni trascorsi insieme, a partire dallo squallore vissuto nella cittadina di Ponteilles-en-Barcis fino alla morte del cane avvenuta nel 1904. Un sodalizio tra i due dovuto non solo alla reciproca compagnia, ma anche allo spirito libertino che li accomunava. Dingo, infatti, con scorribande tra pecore e galline, fughe e piccoli crimini di ogni genere, era malvisto dai benpensanti locali, quasi quanto il ribelle scrittore che mai si fece mettere alla catena dalla società borghese.

 Con due illustrazioni di Pierre Bonnard

LEGGI LA RASSEGNA STAMPA

Il Venerdì di Repubblica

la Repubblica


Argomenti: amicizia, Autobiografie: letterati, Cani, Consigli di lettura, Letteratura, Narrativa umoristica