LíAMANTE SCIOCCA _Layout 1

Matilde Serao

Nacque a Patrasso nel 1856. Scrittrice e giornalista, dopo i primi articoli apparsi nel «Giornale di Napoli», collaborò con «Capitan Fracassa», di cui divenne, prima donna in Italia, redattrice fissa. Nel 1892 fondò con Edoardo Scarfoglio il quotidiano «Il Mattino». Tra i suoi romanzi, ricordiamo Il ventre di Napoli e Il paese di cuccagna. Morì a Napoli nel 1927.

Dello stesso autore:
Matilde Serao

L’amante sciocca




Collana Lampi

pp. 64

0,07
€ 0,06
febbraio 2017

Paolo Spada è un elegante e narciso letterato e, stanco di frequentare donne passionali e piene di pretese, non vede l’ora di conoscere un’amante sciocca, una stupidina, di modi gentili, aspetto ordinario, abiti smessi, che gli faccia da mansueta compagna. A ciò risponde a pieno l’incontro con Adele Cima, la quale non ne ammira le doti letterarie, incapace di comprenderle, ma si innamora perdutamente di quell’uomo così distante da lei, preso dai furori della scrittura come fossero i dolori di una malattia. Adele si trasferisce da Paolo e inizia a essere la sua amante e ombra quotidiana. Comincia così un amore ostinato, cupo, terribile, con poche luci e molta sottomissione. Una novella crudelmente ironica, che risulta ancora più curiosa se si pensa che Paolo Spada altro non era che lo pseudonimo con cui Matilde Serao firmò alcuni articoli giornalistici, il suo feroce e insensibile alter ego.

Introduzione di Giulia Caminito

Un gioco di specchi che elabora il tema del doppio, della dipendenza da se stessi o dagli altri, e della crudeltà della letteratura.


Argomenti: amore, classici, Consigli di lettura, Donne, Letteratura, Narrativa italiana, Novecento italiano, Racconti